Ricette dall’Umbria. Ricetta delle frittelle di San Giuseppe

Ricette dall’Umbria. Ricetta delle frittelle di San Giuseppe
Dolcetti tipici per la Festa del papà

Il 19 Marzo ricorre la festa del papà e come tradizione vuole in Umbria si mangiano le frittelle di San Giuseppe, dolcetto tipico preparato con ingredienti semplici: riso, latte, cannella. Esistono diverse varianti, ognuno può personalizzare la ricetta a suo piacimento, potete arricchirla con frutta secca, gocce di cioccolata e uvetta.  Oggi vi regalo la ricetta classica, quella che preparava mia nonna per il giorno di San Giuseppe. Siete pronti per realizzare queste semplici ma gustose frittelle? Pronti ai fornelli … Via.

INGREDIENTI PER LE FRITTELLE DI SAN GIUSEPPE


– 300 g di riso
-1 dl di latte, corrispondente ad 1 bicchiere
– scorza di un limone
– cannella
– 2 uova
– 4 cucchiai di farina
– 4 cucchiai di zucchero
– 1 cucchiaio di burro
– 1 pizzico di sale
– olio di semi quanto basta


PREPARAZIONE

Scaldate il latte insieme al burro in una pentola capiente e aggiungete la scorza del limone. Quando sarà  bollente, aggiungete il riso e fatelo cuocere a fiamma bassa per circa 30 minuti.

Spegnete la fiamma, togliete la scorza e lasciate raffreddare bene. È preferibile fare riposare il riso in frigo per tutta la notte.

Una volta raffreddato, unite al riso lo zucchero, la farina, i due tuorli d’uovo, il sale e la cannella. Amalgamateli perfettamente, quindi montate gli albumi a neve ferma ed aggiungeteli al composto senza farli smontare. Successivamente mettete abbondante olio di semi in un tegame e quando sarà caldo, gettate le palline del riso con l’ausilio di 2 cucchiai. Friggetele finchè non risultano dorate e scolate su carta assorbente oppure carta paglia. Aggiungete alla fine dello zucchero e infine degustatevele, slurp, slurp.

Vuoi raccontarci la Tua Umbria con un tuo racconto, delle immagini, delle leggende o un viaggio fatto nel cuore verde d’Italia? Mandaci una mail con il materiale e lo pubblicheremo con il vostro nome.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *