Ricette dall’Umbria. Rocciata, dolce della tradizione gastronomica di Foligno

Ricette dall’Umbria. Rocciata, dolce della tradizione gastronomica
di Foligno 

Ricette dall’Umbria. Voglio far conoscere la rocciata di Foligno, un dolce tipico della tradizione gastronomica di Foligno, una ricetta tramandata di generazione in generazione. Non esiste una ricetta universale della rocciata, uguale per tutti, ognuno ha la sua. La rocciata è una sfoglia tirata sottile con il mattarello e arrichita con mele, uva sultanina, noci, cacao, pinoli e cannella. Una delizia per il palato di ognuno di noi perchè evoca sapori, odori e ricordi del passato. La ricetta che vi consiglio di provare è quella che faceva mia nonna Irma. Solitamente lei la preparava per Ognissanti e durante l’inverno visto che il condimento è abbastanza calorico. Oggi, ogni occasione è buona per gustarla, un pezzo tira l’altro…

INGREDIENTI
– – ————-

Per la sfoglia
-500 gr di farina
– 300 gr di acqua
-2 cucchiai di olio d’oliva
– 1 pizzico di sale
– 1 cucchiao di vino bianco

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Condimento 
– Zucchero
– Cacao
– Cannella
– 80 gr di noci
– 30 gr di pinoli
– 4 mele renette
– 40 grammi di uvetta
– Alchermes per decorare

PROCEDIMENTO

Passate al setaccio la farina e metterla a fontana su un piano di lavoro. Aggiungete tutti gli ingredienti ed impastate fino ad ottenere una palla morbida. Coprite con una pellicola alimentare e lasciatela riposare per circa 30 minuti. Riprendetela e stendetela con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia sottile, quasi trasparente. Spostatela su una tovaglia con delicatezza, potrebbe rompersi, aggiungete tutti gli ingredienti. Una volta riempita arrotolatela da due estremi opposti, non schiacciate la sfoglia. Accendete il forno a 200°per 30 minuti a seconda del forno, trasferite la rocciata su una teglia capiente arrotolandola. Fatela raffreddare aggiungete zucchero e Alchermes.

 

 

Vuoi raccontarci la Tua Umbria con un tuo racconto, delle immagini, delle leggende o un viaggio fatto nel cuore verde d’Italia? Mandaci una mail con il materiale e lo pubblicheremo con il vostro nome.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *