Scopri Vallo di Nera: il paese castello della Valnerina

Vallo di Nera è  un borgo umbro medievale bandiera arancione situato in Valnerina, tutto da scoprire. Piccolo borgo ancora intatto, un paese castello: mura urbiche, torri e vicoli sormontati da archi, benvenuti a Vallo di Nera!

E’ il silenzio quello che colpisce oggi a Vallo di Nera (si può entrare solo a piedi!), circondati dalla storia, affascinati dagli splendidi affreschi delle chiese medioevali, in un borgo immerso nella verde Umbria, dove le trasparenti ma energiche acque del fiume Nera hanno disegnato le valli della Valnerina.

ALCUNI CENNI STORICI

Antico borgo risalente addirittura all’VIII secolo A.C. Come abbiamo già detto per tanti borghi umbri, è il medioevo a segnare la storia di Vallo di Nera. Prima feudo del duca germanico di Spoleto, poi nel 1217 ebbe la concessione della costruzione del castello sul Colle di Flezano, ma la sua posizione strategica lo vide al centro di scontri tra lo Stato della Chiesa e Spoleto, che ebbe la meglio nel XIII Secolo. Divenne poi Comune ed entrò nel Regno d’Italia nel 1860.

COSA VEDERE

Tutto il borgo merita una visita, tanto da essersi guadagnato il titolo di bandiera arancione del Touring Club Italiano ed è annoverato tra uno dei Borghi più Belli d’Italia.

La struttura medievale ancora intatta, cinta da mura e torri, i caratteristici vicoli, fanno di questo borgo un vero gioiello.

CHIESA DI SANTA MARIA ASSUNTA: risalente alla fine del XIII secolo, con gli affreschi di scuola giottesca. La torre campanaria a fianco dell’abside, ospita le campane suonate ancora oggi manualmente dai campanari locali nei giorni di festa.

CHIESA Di SAN GIOVANNI BATTISTA: con gli affreschi della Scuola di Raffaello;

CHIESA DI SANTA CATERINA, annessa all’ex convento delle terziarie francescane, con gli affreschi del ‘4-‘500.

Tutta la zona intorno a Vallo di Nera è di particolare pregio ed interesse, al di là della splendida rigogliosa natura, numerose sono le chiese medioevali, i ruderi di castelli ed anche centri abitati abbandonati nel Novecento.

CURIOSITA

C’è un vicolo a Vallo di Nera particolarmente stretto, tanto da essere chiamato il “vicolo bacia femmine”

COSA MANGIARE

Basta solo sedersi a tavola…. Il cacio, innanzitutto, a cui è stato dedicato un importante evento locale, ma anche funghi, tartufo, salumi, miele e la trota, tutta la tradizione umbra in cucina.

EVENTI

Fior di cacio: Prima settimana di giugno

INSERISCI LA TUA ATTIVITA’ SU UMBRIA TUA: CHIAMA IL 339-1520648 O SCRIVI UN’EMAIL

REPORTAGE di Vallo di Nera  della  LaLori

Informiamo che i dati conferiti saranno trattati con mezzi informatici nel rispetto dei principi stabiliti dalla normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (Regolamento UE n. 679 del 2016). L'informativa completa è accessibile attraverso il seguente link.

Newsletter: Autorizzo l'invio di comunicazioni commerciali e promozionali presso l'indirizzo da me indicato

Privacy*: Sì, accetto PRIVACY. Non giriamo i tuoi dati a terzi. (richiesto)